Le iniziative dell’Unione Maestranze per la Settimana Santa

L'emergenza epidemiologica da Coronavirus sta mettendo in ginocchio il mondo intero. La salute pubblica è messa in pericolo da un nemico invisibile; siamo tutti costretti alle relazioni familiari solo ed esclusivamente tra le mura di casa, nel rispetto di chi opera nell'ottica del debellamento del COVID-19 nel più breve tempo possibile. Non saranno celebrati i riti della Settimana Santa trapanese, in osservanza delle misure per il contenimento dell'epidemia; per vivere assieme, distanti ma uniti, il percorso religioso che accompagna alla Santa Pasqua, l'UM ha stabilito alcune iniziative chiedendo a fedeli, devoti e a tutto il popolo dei Misteri di collaborare direttamente dalle proprie abitazioni. Si comincerà per la Domenica delle Palme (5 Aprile) alle 12, quando l'UM invita TUTTI ad unirsi nel suono de “Il Silenzio” in ricordo delle vittime del Coronavirus.
-
Martedì Santo 7 Aprile ore 16 Madre Pietà dei Massari, flash mob marcia funebre “Pensiero”;
-
Mercoledì Santo 8 Aprile ore 14 Madre Pietà del Popolo, flash mob marcia funebre “Chopin”;
-
Venerdì Santo 10 Aprile ore 14 Processione dei Misteri, l'UM, con la collaborazione dei fioristi trapanesi, posizionerà degli addobbi floreali sui gradini del portone d'ingresso della Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio. Successivamente sarà previsto un momento di preghiera e l'accensione di un cero da parte del presidente Giuseppe Lantillo. Inoltre, l'UM avalla la proposta del Console anziano Francesco D'Aleo secondo cui alle 14.15, dopo il colpo di ciaccola da parte di ogni Capo Console, si procederà alla diffusione della marcia funebre “Madre Dolcissima”.
Si precisa che alle 19 del Martedì e Mercoledì Santo, dinnanzi alle rispettive Sacre Icone della Madre Pietà dei Massari e Madre Pietà del Popolo, sarà recitato il Santo Rosario dal Vescovo Pietro Maria Fragnelli congiuntamente a Padre Nicola Rach. Tutti i suddetti Sacri Riti potranno essere seguiti in diretta sulla pagina Facebook “Unione Maestranze Trapani”.